Tempo di lettura: 1 minuti

“Sono convinto che mai come oggi, pur vivendo in contesti sempre più dilatati, per resistere non dobbiamo mai abbandonare le nostre radici. Per diventare internazionali, dobbiamo appartenere a un Paese. Quel Paese, per me, è il Mediterraneo, che è sterminato patrimonio di culture e di visioni.”
Mimmo Paladino

Il Mediterraneo è un “mare tra le terre”, un mare intestino, come lo sono altri nel mondo. Ma la somiglianza con gli altri è solo apparente, perché questo nostro mare, che ha le radici in un lembo di mondo, oggi agonizzante, tra Gibilterra e il Medio Oriente, tra Venezia e Alessandria di Alessandro, è di una Bellezza senza pari e con striature altrove. Il Mediterraneo non è solo un mare, e non è solo nostro, è un approccio alla vita, una comunione catartica.

Le acque del Mediterraneo sono acque europee, africane e asiatiche, e sono luogo di dialogo e di transizioni, umane e interiori. 

Testimonianze è la condivisione mensile del volto di uomini e donne che hanno con il Mediterraneo un legame corposo come il vino, e tenace come il caffè. E della loro storia, una storia che risente in ogni momento e in ogni luogo di quell’humus pregno che è il Mediterraneo, un ventre materno.

Illustrazione di Giacomo Rosa