Tempo di lettura: 0 minuti

“O Forza, Forza paiseddu caru
dimmi cu ti truvau stu lucaleddu
ti specchii ’nta lu mari paru, paru
e poi ti voti e vardi Mungibeddu.”


(Poesia di autore ignoto, comparsa nel 1927 nel libro “Forza D’Agrò” di Stefano Bottari)

Diapositiva di Forza d’Agrò, 1987.

Forza d’Agrò, terra antica tra Messina e Catania, si erge a circa 400 metri sul livello del mare. Seppur non differisca da molti altri paesini presenti sull’isola, nel 1978 mio nonno decise che la sua famiglia avrebbe trascorso qui le vacanze estive. E così è stato. 

Ultima foto scatta a Forza d’Agrò, 2009.

Le viuzze strette, il frinire insistente delle cicale, il vulcano che si scorge in lontananza. Il passare del tempo non ha toccato questo mondo antico, che ancora oggi rimane saldo e tenace, come le brulle e romantiche rocce su cui è adagiato, nei miei ricordi d’infanzia.