Tempo di lettura: 0 minuti

“D’un tratto si fece buio come per il temporale.
Io ero in una stanza che conteneva tutti gli istanti –
un museo di farfalle.”
(Tomas Tranströmer)

Black Cloud di Carlos Amorales, Fondazione Adolfo Pini, Milano, 2019

Uno sciame di farfalle nere. Quindicimila, di varie varietà e dimensioni, hanno invaso gli ambienti tardo ottocenteschi della Fondazione Adolfo Pini, accompagnando i visitatori alla scoperta della mostra L’Ora Dannata di Carlos Amorales.

L’installazione ha avuto un richiamo talmente vasto da essere fotografato e condiviso in più di duemila foto, diventando un vero e proprio luogo di interesse tramite i social. Mi piace credere che, in un’era tecnologica come la nostra, appassionati d’arte, visitatori incuriositi o semplicemente persone alla ricerca di un bello scatto da pubblicare, siano diventati, inconsapevolmente o meno, promotori della cultura e allo stesso tempo hanno contribuito alla riscoperta di un luogo di Milano ai più sconosciuto, fino ad oggi.