Tempo di lettura: 1 minuti

Oggi concludiamo questo primo anno di Gaia, quindi è tempo di resoconti. Per nove mesi vi ho pungolati con tutto ciò che la realtà dei fatti mi suggeriva. Ho cercato il lato positivo anche quando risultava più complesso che trovare un ago in un pagliaio, solo per rendere più sopportabili le infinite notizie negative che era mio dovere fornirvi.

Oggi il lato positivo lo dovrete trovare da soli, io per scrivere questo pezzo ho dovuto rileggere tutto ciò che avevo scritto fino ad ora, e non sono proprio dell’umore per immaginare che una buona notizia possa bastare.

Negli ultimi mesi vi ho raccontato dello scioglimento dei ghiacciai, di tutti quelli persi per sempre in Italia, senza che nessun esponente politico ne facesse cenno. Ho parlato di 500 scienziati che negano l’esistenza del cambiamento climatico, mentre il resto della comunità scientifica ci prega di fare qualcosa nei prossimi dieci anni, perché dopo sarà troppo tardi.

Vi ho detto che i nati dal 2012 non sapranno mai cosa vuol dire vivere in un mondo non influenzato dal cambiamento climatico. Vi ho presentato l’idiozia del “realismo climatico”, un’adolescente che nega la responsabilità dell’uomo rispetto al climate change.

Ho condiviso con voi tutto questo con la speranza di risvegliare il vostro senso di responsabilità, la vostra voglia di salvare il mondo. Nei prossimi mesi sentirete di altri disastri, vedrete il tempo cambiare da un giorno all’altro. Sentirete un caldo insopportabile, poi vi riparerete da temporali violenti, trombe d’aria, grandinate, e il giorno dopo tornerete al mare.

Non ignorate, non smettete di stupirvi, ricordate che per sopravvivere abbiamo bisogno di un clima stabile, vivibile. Sentitevi protagonisti, colpevoli, attori, supereroi, sentitevi come volete, ma non siate ignavi. Ricordatevi che abbiamo meno di dieci anni, che dobbiamo agire oggi, che domani sarà troppo tardi.

Vi do solo un compito, vi prego di non ignorarlo, guardate questo video, sono sicura che basterà per farvi venire voglia di non smettere di pensare a Gaia in questi mesi in cui non ci sarò io a disturbarvi!