Tempo di lettura: 1 minuti

Lo storico assomiglia molto ad un pescatore che tenta affannosamente di portare a galla un pesce.

Quest’ultimo si dimena, prova a liberarsi con la complicità delle onde fino a che, se il pescatore è poco esperto o troppo debole, riesce a fuggire tornando nelle profondità del mare.

Lo storico e la Storia hanno un compito preciso: permettere che si accetti, anche con dolore e difficoltà, quello che si vuole assolutamente dimenticare e, allo stesso tempo, che si parli ad alta voce, di quello che, invece, si sussurra solamente.

La rubrica nasce dalla coraggiosa idea di raccontare un Paese, l’Italia, e uno spazio geografico, culturale, politico ed economico, il Mediterraneo, con la volontà di svelare il nascosto, il dimenticato, il sussurrato. La sfida è quella di combattere amnesie, dimenticanze imposte, vuoti di Memoria che costituiscono una delle caratteristiche del nostro intendere la Storia: dimenticare per andare avanti.

Lo strumento scelto sarà semplice, snello e funzionale in quanto si è deciso di parlare di Storia ad un pubblico che sia il più ampio ed eterogeneo possibile.

A guidarci sarà un’antologia, una sorta di enciclopedia, che riassumerà storie di uomini e donne, storie di popoli, storie culturali, storie di dolore, rabbia e disperazione.

Racconterà, insomma, una parte della nostra Storia.

Buon viaggio.